Sistemi di analisi

Presentazione
Presentazione

Sistemi di analisi posturale globale che consentono, tramite software, l'acquisizione di immagini per misurazioni sui diversi tratti corporei, nonché una serie di informazioni relative alla distribuzione del peso del soggetto in esame, al suo baricentro e alla sua stabilità.

 

L’analisi della postura di una persona può rappresentare un linguaggio comune per diverse discipline mediche, perché in questo caso la persona viene vista nella sua globalità.

Un percorso diagnostico può essere, quindi, integrato da questo approccio, lo scopo è quello di definire meglio un programma di prevenzione o di cura, anche eventualmente con un trattamento multidisciplinare.

Una parola chiave è lo “Stile di vita” che nel mondo moderno si caratterizza per una maggiore sedentarietà, cattive abitudini e scarso esercizio fisico, con conseguenti maggiori costi sociali.

L’osservazione di atteggiamenti posturali non corretti può dare, quindi, una conferma ed essere di  incentivo per sviluppare strategie di prevenzione fin dalle prime fasce in età evolutiva.

 

"Chi vuole conoscere l’uomo deve guardarlo nel suo complesso e non come una struttura messa su al meglio. Se trova malata una parte del corpo, deve cercare le cause che producono tale malattia a trattare gli effetti esterni."          

Theophrastus Paracelsus (1493 - 1541)

 

Approfondimenti
Approfondimenti

Step 1 - PRESENTAZIONE DEL GPS 600

ll GPS 600 è una stazione di analisi posturale che si compone di diverse unità hardware e di un software denominato GPS che consente l’acquisizione, la gestione e la comparazione di immagini dei diversi tratti corporei, delle piante dei piedi e dei dati stabilometrici.

In dettaglio le unità base che compongono la stazione sono: una pedana stabilometrica PODATA™ con 6 celle di carico e fotocamera interna, un dispositivo di analisi BODY FOOT con 2 fotocamere distinte, ed un dispositivo per l’analisi della postura TOTAL POSTURE con fili di riferimento verticali/orizzontali ed uno specchio superiore orientabile.

Il sistema nel suo insieme è stato certificato da Ente notificato come dispositivo medico di classe I con funzione di misura.

Il GPS 600 è, quindi, una stazione modulare costituita da tutti questi elementi.


Step 2 - LE OPERAZIONI PRELIMINARI E LE FUNZIONI ESSENZIALI

In via preliminare la persona viene invitata a togliersi le calzature e le calze, nonché gli indumenti della parte superiore per consentire eventuali successivi rilevamenti alla schiena.

Si consiglia poi di applicare dei riferimenti diretti cosiddetti “markers” sul corpo della persona. Alcuni come in proposta sono riportati sulle spalle, alla vertebra cervicale C7, alla vertebra lombare L5, all’osso del malleolo su ambo i piedi.

L’analisi posturale si compone sostanzialmente di un’analisi fotografica e di una stabilometrica.

In particolare l’acquisizione delle immagini avviene tramite due fotocamere, una posizionata sulla parte frontale del desktop ad un’altezza predefinita, l’altra fotocamera è situata all’interno del dispositivo PODATA™.

L’acquisizione delle immagini avviene, quindi, in due momenti diversi della visita.


Step 3 - L’ANALISI FOTOGRAFICA (1ª FASE)

La persona viene invitata a posizionarsi sull’analizzatore posturale TOTAL POSTURE.

La persona deve mettere i piedi dove indicato sulla pedana. La foto afferisce all'intero corpo del soggetto esaminato, e deve includere anche lo specchio superiore. L’immagine riflessa sullo specchio superiore consentirà di osservare se ed in che misura vi è una rotazione delle spalle.

La prima posizione è quella frontale, che vede la persona guardare verso l’operatore. La persona viene invitata a restare in posizione naturale e a guardare avanti.

Le foto che vengono acquisite sono tipicamente quattro: frontale, laterale sinistra, posteriore, laterale destra.

La persona segue la traccia riportata sulla pedana per il corretto posizionamento dei piedi. Ulteriore riferimento è il centro dell’osso malleolo che deve stare in posizione ortogonale centrale rispetto alla linea retta riportata sulla pedana per ciascuna delle posizioni indicate.

Il corretto posizionamento dei piedi sul piano frontale/posteriore e sagittale consente una ripetibilità della fotografia in momenti successivi.


Step 4 - L’ANALISI FOTOGRAFICA - LE MISURAZIONI

Eseguite le operazioni preliminari di taratura, si possono effettuare delle misurazioni angolari o  lineari per i diversi distretti corporei, e direttamente sulla singola fotografia.

Le misure effettuate possono essere archiviate insieme alla fotografia stessa nella cartella elettronica del paziente per la data di visita.

Sulla foto possono essere riportate anche linee virtuali verticali ed orizzontali per riferimento alle misure da effettuare.

Il software GPS offre anche la possibilità di confrontare delle fotografie acquisite durante visite successive. In particolare una funzione speciale consente la sovrapposizione di due fotografie per una stessa persona in una determinata posizione. Si identificano i contorni; si evidenziano le variazioni di postura intervenute.

Altra funzione ancora consente la riproduzione della colonna vertebrale della persona una volta assegnati sulla fotografia almeno i due punti di vincolo relativi alla vertebra cervicale C7 e vertebra lombare L5.


Step 5 - L’ANALISI FOTOGRAFICA (2ª FASE)

Una volta terminata l’acquisizione delle fotografie del corpo, la persona viene invitata a trasferirsi sul dispositivo PODATA™ per l’acquisizione della foto della pianta dei piedi e per l’analisi stabilometrica.

La persona deve stare in postura eretta, con i piedi che possono essere posizionati liberamente sui due cristalli. Lo sguardo è in avanti, mentre le mani sono distese lungo i fianchi.

A questo punto si può procedere con l’acquisizione della foto mediante la fotocamera interna, ed il conseguente rilevamento del tipo piede, se normale, piatto o cavo.

Questa foto va poi ad aggiungersi alle altre foto acquisite durante la visita della giornata.

Ulteriori fotografie di distretti corporei di interesse possono essere acquisite mediante installazione di altre telecamere opportunamente installate sulla parte frontale del desktop, come ad esempio per i talloni.


Step 6 - L’ANALISI STABILOMETRICA - CONCETTO INIZIALE ED OPERAZIONI PRELIMINARI

Concetto iniziale

Il peso del corpo di distribuisce sui due piedi, ed in particolare si distribuisce su tre punti di ciascun piede: il primo metatarso, il quinto metatarso ed il tallone.

Secondo “la regola del 6” del biomeccanico francese KAPANDJI quando 6 kg vengo applicati sull’astragalo, 1 kg si carica sull’appoggio antero-esterno, 2 kg sull’appoggio antero-interno e 3 kg sul tallone. I talloni sopportano, quindi, la metà del peso corporeo. In altri termini il peso su ciascun piede dovrebbe essere rispettivamente distribuito per il 17%, il 33% ed il 50%.


Operazioni preliminari

A questo punto la persona in esame sale sul PODATA™ e si invita a rimanere ferma nelle stesse condizioni precedenti, ovvero sguardo in avanti, mani distese lungo in fianchi, i piedi appoggiano ciascuno su un cristallo in modo libero e naturale.

Mediante il software GPS le sei celle di carico vengono posizionate nei punti prestabiliti sotto ciascun piede. Questo spostamento delle celle garantisce la ripetibilità della misurazione anche in momenti successivi.

L’esame stabilometrico può essere eseguito in diverse “condizioni di esame”, nella ricerca delle afferenze che influenzano l’atteggiamento posturale della persona. Si può ripetere quindi, la sessione di analisi con occhi aperti, occhi chiusi, sguardo a destra, sguardo a sinistra, Denti serrati, bocca chiusa, bocca aperta, Capo retroflesso, Testa inclinata a destra, Testa inclinata a sinistra. Le condizioni di esame sono 10 e possono essere anche personalizzate. Scegliamo la condizione di esame ad esempio OCCHI APERTI.

Eseguite queste operazioni si può procedere con l’esame di stabilità della persona, e si avvia una registrazione.


Step 7 - L’ANALISI STABILOMETRICA - COMMENTO AI DATI

I risultati che si ottengono sono innanzitutto: 1) la proiezione al suolo del baricentro della persona, 2) la registrazione dinamica di tale proiezione durante il periodo di osservazione, 3) la localizzazione e la dinamica del baricentro di ciascun piede, 4) la ripartizione del carico  fra piede destro e sinistro, 5) la ripartizione del carico fra 1° metatarso, 5° metatarso e tallone.

Ulteriori valori numerici sono rilevati con riferimento al grafico del cosiddetto “gomitolo” ed all’analisi di Fourier. Tali dati sono attualmente oggetto di studi universitari per implicazioni e significato correlato.

La rappresentazione grafica dei piedi con relativi simboli sopra riportati rappresentano il risultato dell’ osservazione durante il 2011 di un campione di oltre 1000 bambini e 300 adulti, suddivisi per sesso e per classi di età, appartenenti alla popolazione italiana.

Il risultato della ricerca universitaria ha portato, quindi, a definire dei valori di normalità per ciascuno dei parametri presentati, ed uno spettro di devianza accettabile secondo una distribuzione statistica in percentili. Sono stati considerati, quindi, fuori norma gli esiti inferiori al terzo percentile o superiori al 97 percentile.

Tutti questi risultati sono andati ad implementare il software GPS, ed è possibile quindi offrire un’indicazione rispetto alla norma per il paziente esaminato.


Step 8 - CONCLUSIONI

Tutti questi dati aiutano nella ricerca delle cause di atteggiamenti posturali non corretti e delle possibili disfunzioni. Si possono definire azioni terapeutiche o in prevenzione, e verificarne con successiva visita posturale l’efficacia.

I dati quantitativi possono essere anche esportati in qualsiasi momento in file di excel per indagini cliniche, ricerche universitarie ed elaborazioni statistiche.

È previsto un report da consegnare alla  persona esaminata.

Il software consente una registrazione dei dati anagrafici della persona e di effettuare un’anamnesi iniziale. L’anamnesi è in parte guidata con numerose domande a risposta chiusa, ed è una parte fondamentale della visita.

Il manuale d’utilizzo del software GPS è sempre disponibile con un HELP on line, sensibile al contesto, con sommario ad albero, e ricerca per parola chiave. Il software funziona in ambiente windows.

Video
Video

GPS POSTURAL LAB

Oggi moltissime persone soffrono di problemi posturali perché svolgono una vita troppo statica mantenendosi troppo spesso e a lungo in posizione seduta con forti tensioni muscolo-scheletriche e pessime posture della colonna vertebrale, del capo e del col

GPS POSTURAL LAB

Analisi Posturale

Analisi del piede

Desideri saperne di più?

Made in Web Industry
arrow
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Cliccando su pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto