Nessun prodotto trovato.
Ricerca in corso...

Filtra per:

Tipo Famiglia Sotto Famiglia
Filtri

Prodotti trovati:

1
2
0
6
5
{{ opzione.codice_configurazione ? opzione.codice_configurazione : ' ' }}

TLA LETTINO AUTOTRAZIONE LOMB. ATTIVA

1
2
0
6
5
Quantità:

Descrizione

È uno speciale lettino fisioterapico che è diviso trasversalmente. La parte caudale del lettino può essere inclinata lentamente verso l’alto o verso il basso e ruotata verso destra o verso sinistra attraverso un servomeccanismo elettrico azionato dal terapista, così da posizionare o mobilizzare tridimensionalmente la colonna lombosacrale del paziente. 

Escursioni e velocità di rotazione sono progettate per restare entro limiti di assoluta sicurezza. Il lettino è provvisto di speciali barre verticali e trasversali.

Alcune sono poste sulla sezione craniale. Il paziente vi si può aggrappare “tirandosi” ed esercitando così degli sforzi di “trazione lombare attiva”.
Per evitare che il paziente scivoli durante la trazione egli viene assicurato attraverso una fascia pelvica alla sezione caudale del lettino. Qui sono poste altre barre che il paziente può spingere o tirare utilizzando gli arti inferiori.

Gallery

Gallery

Logistica

Logistica

Repertorio:
0200279
Documenti

Documenti


Trazioni vertebrali

Manuale delle terapie
Data documento: 16/07/2021
Lingua: Italiano, Inglese
SCARICA
PDF 2.27 MB
Registrati to access the content

Dichiarazione conformità

Dichiarazione di conformità
Data documento: 18/09/2016
Lingua: Italiano, Inglese
SCARICA
PDF 239.4 KB
Registrati to access the content
F.A.Q.

F.A.Q.

In cosa consiste la tecnica TLA?

La TLA È LA DIRETTA DISCENDENTE DELLA TECNICA SVEDESE DI AUTOTRAZIONE, UN TRATTAMENTO MECCANICO DEL DOLORE SIA LOMBARE SIA SCIATICO SOSTENUTO DA CAUSE MECCANICO-COMPRESSIVE BENIGNE. Rientrano in questa definizione le classiche sindromi radicolari da protrusione o ernia discale, laterale o mediana, contenuta o  espulsa, singola o multipla, così come le insidiose sindromi da canale ristretto in cui il doloro lombo-sciatico si accompagna a forme di claudicazione che ricordano le forme vascolari. Possono essere trattati con successo anche pazienti con postumi, esiti o recidive di pregressi interventi chirurgici. La metodica è stata introdotta in Italia nel 1985 e poi originalmente modificata. Le evidenze scientifiche sono state raccolte in molte autorevoli pubblicazioni scientifiche internazionali.
Made in Web Industry
arrow