Analisi stabilometrica

Presentazione
Presentazione

Dispositivi innovativi per l'analisi stabilometrica forniti di software specifici multilingue.

Proprietà caratterizzante del dispositivo PODATA è la possibilità di rilevare il baricentro del soggetto in esame.

 

L’analisi della postura di una persona può rappresentare un linguaggio comune per diverse discipline mediche, perché in questo caso la persona  viene vista nella sua globalità

Un percorso diagnostico può essere, quindi, integrato da questo approccio, lo scopo è quello di definire meglio un programma di prevenzione o di cura, anche eventualmente con un trattamento multidisciplinare.

Una parola chiave è lo “Stile di vita” che nel mondo moderno si caratterizza per una maggiore sedentarietà, cattive abitudini e scarso esercizio fisico, con conseguenti maggiori costi sociali.

L’osservazione di atteggiamenti posturali non corretti può dare, quindi, una conferma ed essere di  incentivo per sviluppare strategie di prevenzione fin dalle prime fasce in età evolutiva.

 

Indicato per: neurologi, medici ortopedici, fisiatri, dentisti, otorinolaringoiatri, oculisti, medici di famiglia.

Approfondimenti
Approfondimenti

L’ANALISI FOTOGRAFICA

Una volta terminata l’acquisizione delle fotografie del corpo, la persona viene invitata a trasferirsi sul dispositivo PODATA per l’acquisizione della foto della pianta dei piedi e per l’analisi stabilometrica.

La persona deve stare in postura eretta, con i piedi che possono essere posizionati liberamente sui due cristalli. Lo sguardo è in avanti, mentre le mani sono distese lungo i fianchi.

A questo punto si può procedere con l’acquisizione della foto mediante la fotocamera interna, ed il conseguente rilevamento del tipo piede, se normale, piatto o cavo.

Questa foto va poi ad aggiungersi alle altre foto acquisite durante la visita della giornata.

L’ANALISI STABILOMETRICA - CONCETTO INIZIALE ED OPERAZIONI PRELIMINARI

Concetto iniziale:

Il peso del corpo di distribuisce sui due piedi, ed in particolare si distribuisce su tre punti di ciascun piede: il primo metatarso, il quinto metatarso ed il tallone.

Secondo “la regola del 6” del biomeccanico francese KAPANDJI quando 6 kg vengo applicati sull’astragalo, 1 kg si carica sull’appoggio antero-esterno, 2 kg sull’appoggio antero-interno e 3 kg sul tallone. I talloni sopportano, quindi, la metà del peso corporeo. In altri termini il peso su ciascun piede dovrebbe essere rispettivamente distribuito per il 17%, il 33% ed il 50%.


Operazioni preliminari:

A questo punto la persona in esame sale sul PODATA e si invita a rimanere ferma nelle stesse condizioni precedenti, ovvero sguardo in avanti, mani distese lungo in fianchi, i piedi appoggiano ciascuno su un cristallo in modo libero e naturale.

Mediante il software GPS 5.0 le sei celle di carico vengono posizionate nei punti prestabiliti sotto ciascun piede. Questo spostamento delle celle garantisce la ripetibilità della misurazione anche in momenti successivi.

L’esame stabilometrico può essere eseguito in diverse “ condizioni di esame”, nella ricerca delle afferenze che influenzano l’atteggiamento posturale della persona. Si può ripetere quindi, la sessione di analisi con occhi aperti, occhi chiusi, sguardo a destra, sguardo a sinistra, Denti serrati, bocca chiusa, bocca aperta, Capo retroflesso, Testa inclinata a destra, Testa inclinata a sinistra. Le condizioni di esame sono 10 e possono essere anche personalizzate. Scegliamo la condizione di esame ad esempio OCCHI APERTI.

Eseguite queste operazioni si può procedere con l’esame di stabilità della persona, e si avvia una registrazione.

L’ANALISI STABILOMETRICA – COMMENTO AI DATI

I risultati che si ottengono sono innanzitutto: 1) la proiezione al suolo del baricentro della persona, 2) la registrazione dinamica di tale proiezione durante il periodo di osservazione, 3) la localizzazione e la dinamica del baricentro di ciascun piede, 4) la ripartizione del carico  fra piede destro e sinistro, 5) la ripartizione del carico fra 1° metatarso, 5° metatarso e tallone.

Ulteriori valori numerici sono rilevati con riferimento al grafico del cosiddetto “gomitolo” ed all’analisi di Fourier. Tali dati sono attualmente oggetto di studi universitari per implicazioni e significato correlato.

La rappresentazione grafica dei piedi con relativi simboli sopra riportati rappresentano il risultato dell’ osservazione durante il 2011 di un campione di oltre 1000 bambini e 300 adulti, suddivisi per sesso e per classi di età, appartenenti alla popolazione italiana.

 Il risultato della ricerca universitaria ha portato, quindi, a definire dei valori di normalità per ciascuno dei parametri presentati, ed uno spettro di devianza accettabile secondo una distribuzione statistica in percentili. Sono stati considerati, quindi, fuori norma gli esiti inferiori al terzo percentile o superiori al 97 percentile.

Video
Video

Software GPS 5.0 : Esame della stabilità della persona con il LUX POSTURAL a 3 celle di carico.

Eseguita l’anamnesi accurata del paziente si inizia la visita posturale. E’ importante analizzare la situazione iniziale prima di andare a modificare qualsiasi afferenza.

Software GPS 5.0 : Esame della stabilità della persona con il LUX POSTURAL a 3 celle di carico.

Desideri saperne di più?

Made in Web Industry
arrow
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Cliccando su pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto