Sinthesi line

Presentazione
Presentazione

La linea SINTHESI si compone di lettini per terapia fisica, che consentono anche un’ampia gamma di esercizi di mobilizzazione ed allungamento muscolare, nonché trattamenti di rieducazione posturale globale. Caratteristica peculiare di questi lettini è la doppia motorizzazione, ovvero la regolazione della sezione tronco completamente assistita da attuatore elettrico, e tale da escludere qualsiasi sforzo del terapista durante le relative movimentazioni.

 

I lettini Sinthesi consentono al terapista di mettere senza sforzo i pazienti in innumerevoli posture di allungamento miofasciale che possono essere facilmente mantenute per più lunghi periodi di tempo e senza sforzo. In questa posizione rilassata varie tecniche possono essere applicate per fornire un recupero dell’allungamento miofasciale, aumentare il range di movimento articolare ed ottenere una postura antalgica per sollievo da dolore acuto. Inoltre i lettini Sinthesi rappresentano un ideale posizione di partenza dalla quale iniziare per degli esercizi di attivazione centrale e di lavoro muscolare isometrico.

Approfondimenti
Approfondimenti

DESCRIZIONE TECNICA

La regolazione in altezza del lettino può essere elettrica oppure idraulica per tutti i modelli da cm 48 a cm 100. In particolare in caso di regolazione elettrica sono previste due opzioni, a pedaliera oppure con barra perimetrale. Inoltre tutti i modelli dispongono anche di comando su pannello di controllo all’estremità del lato testata.

 

La sezione di testata è sempre di lunghezza cm 52, ed è regolabile agevolmente sia in positivo fino a +54° che in negativo -52° mediante comando ergonomico fissato al pianale e molla a gas. La sezione di testata è, inoltre, dotata di foro naso/bocca allungato con tappo in dotazione di serie.

 

Quasi tutti i modelli hanno una versione anche con braccioli lato sezione di testata per uno scarico delle braccia durante le sessioni di terapia, e quindi un maggiore comfort del paziente in posizione prona. Le versioni con braccioli sono identificate con il termine “PLUS”.

 

Tutti i modelli consentono un’ampia gamma di posizioni sia in flessione che in estensione e, laddove la sezione gambe è separata, anche in modo simmetrico o assi metrico. Le posizioni dei segmenti vengono regolate agevolmente con una o più molle a gas ed originali comandi ergonomici fissati ai pianali. Il modello più evoluto è il lettino denominato MI.TO (rif. codici base LS374LS384).

 

I lettini Sinthesi possono in generale essere configurati anche con ruote e sistema di freno centralizzato e/o braccioli ruotabili 180° per esercizi di rieducazione posturale globale.

 

Possibilità di scelta del rivestimento tra 24 colori. E’ possibile anche richiedere cuscini di postura di varie forme e dimensioni, da utilizzare sul lettino con lo stesso colore rivestimento.

STRETCHING DELLA CATENA MUSCOLARE POSTERIORE DEGLI ARTI INFERIORI CON LETTINO MI.TO.

Di seguito viene proposta una serie di esercizi per lo stretching della catena muscolare posteriore degli arti inferiori ed allo stesso tempo della colonna vertebrale.

 

Esercizio 1


 

Allungamento di tutta la catena muscolare posteriore.

 

Esercizio 2

 

È inoltre possibile intervenire in maniera settoriale, suddividendo in più parti la catena muscolare, come nell'immagine in cui una gamba è posizionata in flessione mentre l'altra sta lavorando.

 

 

In questo caso l'allungamento muscolare è parziale. Infatti, la gamba destra rimane in fase di scarico mentre la sinistra, con l'aiuto del terapista, viene gradualmente posta in posizione stesa.

 

Esercizio 3


 

Un altro esempio di "lavoro frazionato", ma l'allungamento avviene grazie all'aiuto del lettino che mantiene fissa la posizione.

 

Esercizio 4


 

Ulteriore particolare, in cui il lavoro è focalizzato sulla parte terminale della catena muscolare.

 

"Iniziamo dal globale scendendo al particolare e viceversa"


(tratto dal Metodo F. Mignani, un nuovo approccio alla ginnastica posturale)


IL METODO MCKENZIE: LA STORIA DI MR. SMITH

I lettini della linea Sinthesi permettono l’esecuzione di esercizi per soggetti che soffrono di dolore lombare o cervicale secondo il metodo McKenzie.

 

Per molto tempo abbiamo mobilizzato la colonna lombare solo in un senso, solo in flessione, avendo timore di mobilizzarla in estensione. Negli anni più recenti è sopraggiunto McKenzie a rendere più chiara la visione.

Il famoso episodio di Mr. Smith, avvenuto a metà degli anni '50 in Nuova Zelanda, ha determinato una svolta importante nella carriera del giovane terapista McKenzie.

 

Dopo aver trattato Mr. Jones per un problema al ginocchio si accingeva a ricevere Mr. Smith che da alcune settimane soffriva di lombosciatalgia.

 

In quel momento, McKenzie fu chiamato a rispondere al telefono in un’altra stanza e invitò il paziente a spogliarsi e distendersi sul lettino. Quest’ultimo era rimasto con lo schienale inclinato così come era servito a Mr. Jones per stare comodamente appoggiato con il dorso mentre il terapista si era preso cura del suo ginocchio.

 

 

Mr. Smith, dovendo mostrare la schiena, si distese in posizione prona costringendo a una forzata estensione passiva la sua colonna vertebrale. Al termine della telefonata, che probabilmente non fu brevissima, sopraggiunse McKenzie; egli terrorizzato da quella postura, fece subito alzare il suo paziente rimproverandolo.


Ma ecco che Mr. Smith, alzandosi, gli riferì la gradevole sorpresa: quel dolore alla coscia che lo disturbava da tanto tempo era passato.


Quella postura che fino a quel momento era temuta, da tutti gli insegnanti e i terapisti, potenzialmente dannosa, si rivelò inaspettatamente benefica.

 

 

Questa è l’essenza del metodo McKenzie, viene riconosciuta l’importanza della lordosi lombare: non solo è importante mantenerla, ma, talvolta, è utile accentuarla, a condizione che ciò avvenga in modo passivo, mantenendo rilassati i muscolo estensori del rachide.

 

Si ottengono così:

  • La riduzione della pressione sui dischi intervertebrali e la loro conseguente reidratazione;
  • Il riposizionamento del nucleo discale in avanti, con la riduzione dell’eventuale pressione sulla radice nervosa.

 

Le intuizioni ed il metodo McKenzie hanno permesso di impostare un programma di esercizi per il soggetto che soffre di lombalgia e cervicalgia in un modo più preciso adattandolo alle necessità del paziente.

 

Sinthesi

Documentazione
Documentazione

Approfondimenti - Caratteristiche tecniche tappezzeria - Technical features for upholstery

SCARICA
PDF 513.42 KB
Video
Video

Presentazione del lettino per terapia Mi.To.

In questo video viene presentata la varietà di posizioni che possono essere ottenute con il lettino posturale Mi.To.

Presentazione del lettino per terapia Mi.To.

Desideri saperne di più?

Made in Web Industry
arrow
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto